"La vita è come andare in bicicletta, se vuoi stare in equilibrio devi muoverti" (A.Einstein)

FisioSinergia

Via Taddei 7/1 42020 PUIANELLO di Quattro Castella (Reggio Emilia)
Studio: 347 9162872
Palestra: 328 4439622
studiofisiosinergia@libero.it

LUNEDI 16 SETTEMBRE SI RIPARTE CON I CORSI:

ISCRIZIONI  AI CORSI CON DIRITTO DI PRELAZIONE:

MARTEDI 10 SETTEMBRE

MERCOLEDI 11 SETTEMBRE

DALLE 18.30 ALLE 20.00

 

OPEN DAY SABATO 14 SETTEMBRE

PATOLOGIE DEL PIEDE

05.12.2013 14:49

PATOLOGIE DEL PIEDE

Fascite plantare


Per fascite plantare si intende un processo infiammatorio del cosiddetto “legamento arcuato” ( detto anche “aponeurosi plantare”) che è una grossa fascia fibrosa che parte dalla zona mediale del calcagno sino ad arrivare alla base delle dita del piede. Questa patologia colpisce spesso gli sportivi ed è causata dalla ripetizione continua di eccessivi sovraccarichi a livello podalico. Infatti quando la fascia plantare viene messa sotto eccessivo stress si stira troppo, si creano delle lesioni nel tessuto con il risultato di un’infiammazione della fascia e dei tessuti intorno. Gli strappi sono presto coperti con tessuti cicatriziali, che sono meno flessibili della fascia stessa aggravando così il problema. Solitamente tale infiammazione avviene a livello dell’inserzione calcaneare e il dolore si avverte maggiormante e in modo severo alla mattina quando ci si alza dal letto oppure all’inizio di una corsa; dopo aver camminato si puo’ percepire un miglioramento, anche se è temporaneo.
La fascite plantare può insorgere a causa di innumerevoli fattori, spesso combinati tra loro: stress,tensione e stiramento della fascia plantare, muscoli del polpaccio poco elastici e tendine d’achille teso mettono più stress sulla fascia plantare, piedi piatti o cavi, scarpe inadeguate o usurate e allenamento eccessivo. La fascite plantare difficilmente ha una risoluzione spontanea. Il trattamento immediato consiste nell’applicazione locale di ghiaccio per più volte al giorno per ridurre l’infiammazione. Associato a questo può essere utile la terapia fisica ( tecar terapia, massaggi, ultrasuoni, laser) associata a stretching della fascia plantare, del tendine d’achille e dei muscoli gastrocnemio e soleo. Lo stretching di questi muscoli, da effettuare anche prima dell’attività sportiva, è fondamentale come prevenzione di questa problematica.